Cerca
  • LOSPECCHIOMAGAZINE

Alessandra Gabbanelli "Signora delle ossa"


Ti aggiri evanescente

nei meandri rifiutati,

nulla apparente

che insinua supremo spavento.

Ma è fecondo il vuoto,

come muscolo pulsante

vitali gocce vermiglie.

Duello con te

tra macerie di anime e corpi,

ti sfido con delicatezza

e limpida innocenza.

Gioco con te

e ti sottraggo terreno

a poco a poco.

Signora delle ossa

che sorridi silente,

perdonami se oggi

ti strappo via

questo piccolo essere

che hai accarezzato.

Pacatamente gli impedirò

di darti la mano.

E questa volta te ne andrai,

lieve e sdegnosa,

scomparendo nella notte.


"Signora delle ossa", pubblicata a marzo 2021 nell'Antologia di AA.VV. "INNO ALLA MORTE" Raccolta Poetica, Bertoni Editore (poesiaedizioni).




37 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti